Olimpiadi, il Mossad tiene alta l’allerta contro una nuova Monaco ’72

 

Siamo ormai alla vigilia della kermesse Olimpica di Londra ma i servizi di sicurezza di tutto il mondo si sono già mobilitati da tempo a tutela dell’incolumità dei propri atleti.

In particolare lo Shin Bet, il servizio anti terrorismo israeliano che in virtù delle crescenti tensioni con l’Iran a causa della sospetta attività nucleare degli ayatollah e dopo l’attentato di Burgos, sul Mar Nero, che ha causato 7 vittime e oltre 20 feriti ha alzato il livello di attenzione attorno alla propria delegazione ai Giochi.

medium_110203-105023_to130907sto_0020-1-300x228.jpgSi teme, infatti,la possibilità di un attentato proprio a quarant’anni dalle Olimpiadi di Monaco, quando un commando palestinese prese in ostaggio ed uccise undici atleti israeliani.

Al servizio anti terrorismo, che teme falle nel seppur organizzato sistema di sicurezza britannico, sarà affiancata anche una squadra del Mossad che, ad oggi, conta oltre 1.200 operativi in tutto il mondo.

La squadra speciale, secondo quanto riportato dal prestigioso Sunday Times, avrebbe il compito di dare la caccia ad una cellula terroristica formata da personaggi convertiti all’Islam apparentemente insospettabili, in stretto contatto con l’Iran e con Hezbollah, gruppo libanese storicamente “finanziato” da Teheran e che starebbero organizzando un eclatante atto terroristico.

L’operazione, ribattezzata in codice “Baionetta”, avrebbe in particolare lo scopo di dare la caccia a David Jefferson, di passaporto americano, riuscito a far perdere le proprie tracce dopo il massacro di Burgos ma ancora in possesso di un potente ordigno.

Nessuna conferma (o smentita) da parte del primo ministro israeliano Netanyahu che, diplomaticamente, si limita a dire: “Vigiliamo sul pericolo di attentati ”.

Più preciso invece Amos Gilad, capo di gabinetto del Ministro degli Esteri Barak, che ha ammesso tentativi terroristici dell’Iran in tutti i paesi sottolineando, tuttavia, come sia “necessario avere informazioni più precise e lavorare con freddezza ed equilibrio nonostante la difficoltà della situazione”.

Ricordiamo che il Mossad, in virtù della sua straordinaria efficienza e ad ingranaggi perfetti, non è nuovo a questo tipo di operazioni e risulta essere probabilmente il principale servizio segreto al mondo.

Creato nel 1951 da Ben Gurion, è diviso in unità operative, la più importante delle quali è quella relativa alla Operazioni Speciali, meglio conosciuta come Metsada.

Ad essa vengono affidate le principali operazioni oltre che di sabotaggio, di eliminazione deglimossad.jpg obiettivi.

Alla sua organizzazione che, spesso, sfiora la perfezione, si devono con molta probabilità la neutralizzazione di Esmaeil Ahmadi Moghaddam, tra i più noti esperti iraniani di balistica e di Mostafa Ahmadi Roshan, docente universitario che lavorava al sito di arricchimento nucleare di Natanz.

Ciò senza dimenticare altre eclatanti operazioni come il furto di un aereo da combattimento dell’Iraq, l’infiltrazione del regime siriano,il rapimento di gerarchi nazisti e la scalata al vertice di un governo nemico tramite una spia.

Il Vostro.it

 

Olimpiadi, il Mossad tiene alta l’allerta contro una nuova Monaco ’72ultima modifica: 2012-07-26T11:33:04+00:00da brujita1969
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento